Venerdì 15 Dic 2017

Camineras de abba

Dalla raccolta Camineras de abba - Sentieri d'acqua:

Nois
peri sos crastos de santu Marcu
aunidos
in su piuere de sos seculos
comente archeologos noitolos
in mesu a sas ruinas
e a una ciarra de pitzinnos
ranos de rosarios e versos mudos
cristallos de ametista
in roccas de melagranada
cun sa ‘oghe de su mare
in undas de conchiglias biancas.

Su ‘entu de sos montes
carignaiat su manzanu
abertu subra sas ispigas
su pettu de sos fuyferarzos
subra alas de sisias
e margheridas in isettu.
Seigh’annos...
tessiana sas primas isperas
velas de ammentos e de ispantos
ricamos de alligrias.

 

Noi
tra i sassi di San Marco
radunati
nella polvere dei secoli
come archeologi inesperti
tra le rovine
in un chiacchierio di ragazzi
grani di rosari e muti versi
cristalli d’ametista
in rocce di melograno
con la voce del mare
in onde di conchiglie bianche.

Il vento dei monti
carezzava il mattino
aperto sulle spighe
il petto dei passeri
sopra ali di papaveri
e margherite in attesa.

Sedici anni...
tessevano le prime speranze
vele di ricordi e di stupori
ricami d’allegrie.

Sa notte chena sonnu
furat sos ammentos
pro ingannare s’isettu de s’avreschida
e comente indunu cinema a s’abertu
in su lentolu de s’iscuru
‘ido sas caras de su cambiamentu
s’abberini de nou
sas carrelas de sa giuventude:
So gioghende
ancòra cun su chilciu
a caddos fortes
a su puddu ‘olat
cun sos pinnadellos
a s’imbrestia
a s’angallita e a corodè
a pane salame e pasadorzu...
Como un’omine belosu
cun su coro inchietu
s’abberit a esperienzias noas
chi un’atera notte
est pronta a incoronare.

La notte senza sonno
ruba i ricordi
per ingannare l’attesa dell’alba
e come in un cinema all’aperto
nel lenzuolo del buio
vedo i volti del cambiamento
si riaprono
le strade della giovinezza:

Sto giocando
ancora con il cerchio
a cavalli forti
al gallo che vola
con i giaietti
alla piastrella
a piede zoppo e a ‘corodè ’
a pane salame e riposo...

Ora un uomo geloso
col cuore inquieto
si apre a esperienze nuove
che un’altra notte
è pronta a incoronare.

In sa domo de su ‘entu
perdidu e torradu a acciappare
cun sos amigos
appo isfidadu a mie matessi
e sos puzones cun su pensamentu
in sas puntas de su Tuffudesu
e in sos fiancos de sa mente
cantas garas chirchende
s’omine veru.

Esiliadu
in sa ‘idda de sas peleas mias
frazo s’isettu
de arrivire a sa fine.

Nella casa del vento
perduto e ritrovato
con gli amici
ho sfidato me stesso
e gli uccelli col pensiero
sulle cime del Tuffudesu
e sui fianchi della mente
quante gare cercando
l’uomo vero.

Esiliato
nel paese dei miei affanni
consumo la speranza
di arrivare alla fine.

Menu Principale

Work in progress


SITO IN COSTANTE AGGIORNAMENTO

Notizie

Cronaca - La Nuova Sardegna - Sassari

Immagini Casuali

thumb_milanistidelusi13to.jpg