Mercoledì 22 Nov 2017

O Santa Lucia

Ricordo un fanciullo.
Qui presso il tuo tempio
saltava, correva,
chiudeva poderi con sassi,
guidava pannocchie aggiogate.
Ricordo i compagni. Uno scalzo
gioì quando un paio di scarpe
lasciò la Befana a lui buono
vicino al guanciale di crine.

Son tutti ora grandi.
E' uomo il fanciullo. E' dottore.
Gli anziani che un giorno
lo videro bimbo
l'osservano, forse lo invidiano.

Ma Tu sai perché guarda pensoso
il parapetto alto
che adesso c'è e non c'era,
perché guarda la strada asfaltata
che prima era bianca,
perché guarda il tuo tempio
che a lungo cadente ora è nuovo.
I tanti ricordi che il tempo
aveva velato e sbiadito
riemergono vivi, s'affollano,
gli danzano intorno.

Leggi tutto: O Santa Lucia

Mio Signore

(Versi composti nei primi anni Sessanta ed ora dedicati a quanti frequentarono la GIAC)

Nella stanzetta ove ancora mi vedi
più non vengono come tempo fa
tanti giovani a stringersi ai tuoi piedi
per divertirsi un’ora, per pregare,
per ragionare sulle Verità
che ci hai voluto Uomo rivelare.

Regna il silenzio. Alle pareti spoglie
un angolo di gruppo mostra ancora
i segni di quei giorni: sono foglie
e rami disegnati da una mano
fanciulla ma pietosa: ora lavora,
anche lui come me, di qui lontano.

Vi si legge una lista di ragazzi.
Questi che fanno? Dove sono andati?
E nel vasetto di cristallo a mazzi
non pone più nessuno quando è sera
fiori di cui ricami sempre i prati
al ritornare d’ogni primavera?

Leggi tutto: Mio Signore

Osile a de die

Osile est collocadu in un'altura
ei custa 'enit ciamada Tuffudesu.
In una 'e sas tres chimas s'osilesu
b'at fattu sa 'idda in bella positura,
sa cheja 'e Sant'Antoni in sa 'e mesu
e in sa chi pius at alta sa misura,
pro la pregare cun fide sinzera,
sa cheja 'e sa Signora 'e Bonaera.

Lughet in punta 'e sa chima abitada
unu casteddu 'asadu da ogni frina.
Sos marchesis l'an fattu 'e Malispina
daboi 'e su 'e Bosa in epoca passada.
Aian postu in Sardigna raighina
ca l'aian dae Museto liberada
umpare a genovesos e a pisanos
in accordu cun sos zuighes nostranos.

Inghiriada est sa 'idda a sa fortesa
ca forsi s'est formada a issa umpare.
Pigata ch'est sa zente osilesa
che abba a sa muntagna dae su mare
ca la soliat sa peste visitare,
pro aer tribagliu e mezus aer difesa
o cale si siat atera rejone
sa bascia abbandonende abitazione.

Leggi tutto: Osile a de die

Cantone pro Osile

Comente in un’altare
in punta a s’altu Tuffudesu
lughes, Osile.
Coro: O ‘idda nobile,
          canto pro te.

Caddura, Logudoro,
Bonifacio a s’orizzonte
miran su risu tou.
Coro: Est custu cantigu meu
          fattu pro te.

Osile, ses unu meraculu,
ses de sa Sardigna incantesimu,
ses unu ricamu magnificu,
ses unu diamante pro me.
Frisca s’aera e purissima
ogni istajone as in te
e sas nues ti chinghen
fattende una corona
a cudda antiga chi
in cuccuru as già.
Coro: Cantende so,
          bidda cara, pro te.

Leggi tutto: Cantone pro Osile

Menu Principale

Work in progress


SITO IN COSTANTE AGGIORNAMENTO

Notizie

Cronaca - La Nuova Sardegna - Sassari

Immagini Casuali

via roma.jpg