Sabato 18 Nov 2017

Nostra Signora di Bonaria

La chiesa di Nostra Signora di Bonaria è la più alta chiesa dell'Anglona. Sorge a 767 metri d'altezza in cima al colle omonimo e risale a detta del Liperi, al 1652. Costruita in seguito ad un voto per scongiurare la peste. Nel passato la  chiesa era frequentata tutto l’anno dai fedeli. Vi si scioglieva un voto pubblico  di tre giorni e la festa solenne si celebrava  con  l'intervento della Collegiata nella Domenica dell'Assunzione. Sul tetto della chiesa il  Lamarmora  collocò un segnale trigonometrico.   (...)   La chiesa seicentesca è senz'altro frutto di un'architettura locale.
Risente dell'architettura  barocca.  L'edificio mononavato è interamente voltato a botte rafforzato da archi a tutto sesto. La navata è scandita da due campate formate da paraste che corrispondono ai contrafforti esterni. Dal capitello delle paraste parte una cornice che percorre tutta la chiesa. In corrispondenza della prima e della seconda campata si trovano delle unghiature.
Ai lati della chiesa è posto un sedile, costruito in conci di pietra basaltica e in blocchi di tufo calcareo squadrati. L'intero edificio è costruito interamente in pietra basaltica scapola. Le paraste, gli archi, la cornice, gli architravi e i piedritti delle porte sono realizzati in blocchi di tufo calcareo lavorato.
Nella seconda campata della parete sinistra, rimangono i supporti in ferro battuto che reggevano il pulpito in legno, che esisteva ancora sino al 1960. L'abside è contratta rispetto alla navata. Ad esso vi si accede mediante un gradino. Sul lato destro si trova una finestra rettangolare, chiusa da una grata in ferro. Segue una piccola nicchia che presenta tracce di pittura. Al centro si eleva l'altare poggiante su una predella di pietra. La parte inferiore dell'altare è in pietra calcarea mentre la parte superiore è in legno scolpito e dipinto. L'abside è quadrata, al centro si trova una nicchia che conteneva la statua della Madonna di Bonaria.
Nelle pareti dell'abside ci sono due unghiature meno profonde di quelle della navata. Anche lungo le pareti dell'abside corre il sedile, questo interamente costruito con blocchi di pietra calcarea squadrati e poggiante su otto piedi di cui l' ultimo si innesta nell'altare. La volta a botte dell'abside presenta tracce di pitture. La chiesa è priva di qualsiasi arredo e degli infissi. La statua della Madonna si trova attualmente nella chiesa parrocchiale.
La facciata della chiesa è in blocchi di tufo calcareo squadrati (mentre le altre pareti  sono  in  pietra  basaltica) completamente lisci. L'architrave del portale è ad arco a tutto sesto scolpito.

N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
N. S. di Bonaria
N. S. di Bonari...
Dettaglio
 
 

Menu Principale

Work in progress


SITO IN COSTANTE AGGIORNAMENTO

Notizie

Cronaca - La Nuova Sardegna - Sassari

Immagini Casuali

thumb_14-01-05_2110.jpg